Ul Bernasconi (e ti de ke banda te vegnet?)

(va che copio anche io pizzero e snow)

L’avevo sempre sottovalutato ma adesso che lo ascolto meglio il buon Davide Van de Sfroos riluce in tutta la sua grandezza. Sarà che quella parlata mi fa simpatia e mi ricorda la terra che mi accoglie da oramai molti decenni, sarà che non parla solo di amore, ma le sue canzoni mi mettono allegria e mi fanno riflettere.

Racconta storie di popolo, come non se ne sentono da un pezzo nel pop cantato nella barbara lingua anglica (Dylan e Springsteen esclusi, almeno in prima approssimazione)

Sèmm al muund in düü e vöen me sta söi bàll,

Caino el cùpava tütt quèll che se muvèva,
el majàva cumè un lùff e vacca se’l bevèva
e dopu una girnàda passàda ciùcch desfàa,
se tràva in söel praa e pö el tacàva a runfà

Semm che a cüraa el cunfin
e pensum de vess foort
ma el sémm che per crepà
ghe voer mea el pasaport.
Sciur capitan
questa che l’è la verità,
adess ghe n’ho pien i ball,

Varda la strada, varda’l specètt
porca miseria che razza de tèt
set un autista pensa a guidà
che’l cuntrulür l’è giamò drè a cuntrülà.

Semm in dü, semm in trii
el büceer l’è finìi
e duman ghe sarö giamö piö

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: