Archive for giugno 2010

Momenti storici (Am I evil? Yes I am.)

giugno 22, 2010

Oggi, 22 giugno 2010, ho visto Dave Munstaine suonare Am I Evil insieme ai Metallica.

Potete non crederci, ma ha pure abbracciato Lars.

Old friends, memory brushes the same years,

silently sharing the same fears

Annunci

[WMI] Lettera aperta al bracciante di Poggibonsi: si può sapere che vuoi? (cit.)

giugno 20, 2010

In WMI c’è stata la solita annuale discussione riguardante le grandi domande della vita: chi siamo, dove andiamo, perché gli iscritti a Wikimedia Italia sembrano così disinteressati alle vicende dell’associazione, è vero che Gino si è messo con Iolanda e Piero soffre[1]?

Tralasciando la discussione sull’ultima domanda, che del resto è stata la più interessante, su suggerimento della capa ho deciso che è ora di chiedere direttamente al mondo che vogliono da noi. Ammesso vogliano qualcosa.

A questo link potete trovare un questionario con domande su WMI (WikiMedia Italia) che potrete agevolmente compilare in un paio di minuti. Tra qualche tempo, sto sul vago perche dipende da quante risposte avrò, pubblicherò un report con i risultati.

Avendo già letto alcune risposte ribadisco alcune informazioni di base

  • WikiPedia Italia non esiste.
  • WikiMedia Italia non si occupa di gestire Wikipedia in italiano.
  • Il mio nick non è “dracovaffanculo”.
  • Wikimedia Italia non ha gli stessi compiti della WikiMedia Foundation (WMF) statunitense.
  • Per quanto sia arrivato qualche soldo dalle donazioni, che peraltro sono stati in parte girati alla WMF, non abbiamo risorse infinite, e neanche paragonabili a quelle della WMF. Quest’ultima per altro, in relazione al compito, ne ha appena a sufficienza.

[1] è vero, lo so da fonte sicura: la Pina del terzo piano.

Metal up your ass (fraking Charlie…)

giugno 19, 2010

UPDATE: “sonicsphere festival: just 3 words for the swiss organizers… fuck you motherfuckers” (cit.)

[Soluzione] Perché succede quello che succede

giugno 15, 2010

Lui: Perché l’hai fatto?
Lei: Perché potevo.

Fansi

giugno 14, 2010

Lotta senza quartiere

giugno 10, 2010

Sul pianeta Renault della confederazione galattica si volge un gioco al massacro, con in palio un milione di stand[1]. Un gruppo variabile di persone si ritrova nello stesso ambiente per battersi, chi dopo una settimana è ancora in piedi vince e ritira il premio; il gioco ha un solo vincitore. Ci si può alleare, temporaneamente, con altri giocatori al fine di battere i giocatori più potenti. Per qualche misteriosa ragione, pare religiosa, è vietato battersi a gruppi (solo molti contro uno, o uno contro uno, molto contro molti è vietato)

Ad ogni giocatore è associata uno “Strenght“, il giocatore g1 avrà strenght s1 = S(g1) che è un numero intero. Il giocatore g1 batte g2 (ovvero g1>g2) se S(g1) > S(g2).

Il gruppo di giocatori {g1..gn} batte {gk} se la somma degli strenght dei g1..gn è maggiore di S(gk). Non è definito cosa succede in caso di valori uguali; ovvero vince uno a caso lanciando una moneta.

Lo scommettitore Dracus Cordalis, di Maru, cerca di trovare un modo per prevedere chi vincerà la battaglia sulla base degli strenght, che sono noti e pubblici, e ipotizzando che i giocatori abbiano un comportamento razionale.

Un giocatore razionale, nella opinione di Cordalis,  sceglie  se esiste una battaglia che è sicuro di vincere.

Cordalis parte dai casi più semplici

  • se ci sono solo due giocatori vince, banalmente, il più forte (se esiste)
  • [CASO il forzuto] se esiste gk con S(gk) maggiore della somma del S(g) degli altri giocatori gk vince
  • [CASO il buono il brutto il cattivo] se ci sono tre giocatori con S(g1) > S(g2) > S(g3) ma non siamo nel caso precedente vince g2

Domandine:

[il forzuto] se le forze dei giocatori sono s(g1)=1,  s(g2)= 1,  s(g3)= 1,  s(g4)= 5 chi vince e quali saranno gli scontri?

[il buono il brutto e il cattivo] come mai vince g2 e non g1? Quali scontri si svolgono e perché? (Questa regola dà l’idea di essere generalizzabile, ma ci devo ancora pensare…)

Tra qualche giorno le soluzioni, molto facili del resto.

[1] leggi: “un mucchio di soldi”

(fonte: Steve Perry – “L’uomo che non sbagliava mai”)

(Disclaimer: al contrario di qualcun altro non sempre conosco la soluzione dei  giochini di cui parlo, che sono sinora parto della mia fantasia malata. Inoltre c’è la possibilità che la soluzione proposta sia errata od imprecisa. Omo avvisato…)

Ho aspettato e ho riflettuto…

giugno 5, 2010

Ho aspettato e ho riflettuto, ho anche scritto un post serio dove ponderavo le ragioni dell’ennesimo eccidio al largo di Gaza, poi ho deciso che non era il caso di pubblicarlo. Tutto quello che so è che ogni volta che sento di morti in quella zona, e mi vogliono spiegare che ci sono delle buone ragioni perché del sangue venga versato, ragioni politiche, sociali e addirittura qualche pazzo si azzarda pure a dire che ne esistono di culturali e religiose, ho un profondo senso di schifo e di frustrazione.

Buttare sulle spalle di quei morti, con culture diverse, con o senza divisa, i problemi del mondo mi sembra profondamente ingiusto. Discutere di “immagine internazionale” parlando di morti ammazzati di pessimo gusto.

Mi limito a suggerire una colonna sonora per il video dell’ “incidente internazionale” (cit.)

What is it good for?

War! huh-yeah
What is it good for?
Absolutely nothing
Uh-huh

[-9] Concertone

giugno 2, 2010

Se volete esserci siateci, 11 giugno stesso posto dell’altra volta.

Scacchiera (numero di percorsi minimi)

giugno 2, 2010


Scacchiera di ordine 1. Esiste un solo percorso sino all’angolo in alto a sinistra e uno solo sino a quello in basso a destra. Totale due percorsi. (che è la somma dei percorsi sino agli angoli sopra indicati)

Come sopra. Esiste un solo percorso sino all’angolo in alto a sinistra 2 sino al punto centrale. Quindi tre che arrivano al punto centrale del lato in alto e al punto centrale del lato a destra. Sommando questi ultimi due 6 percorsi in tutto.

Versione per scacchiera di ordine tre, la regola è facilmente generalizzabile. Funziona come il triangolo di tartaglia, tagliato ai lati (è infatti un quadrato non un triangolo). Percorsi totali in questo caso 20.